54° edizione della Bologna Children’s Book Fair: grandi novità per grandi numeri

di ANNA GARBAGNA

E‘ stata presentata oggi a Milano la 54° edizione della Bologna Children’s Book Fair  alla presenza di Franco Boni, presidente di BolognaFiere, Manuel Forcano, direttore dell’Institut Ramon Llull, Elena Pasoli, Exhibition Manager della manifestazione, Stefano Petrocchi, direttore della Fondazione Bellonci e Federico Motta, presidente di AIE. Proprio quest’ultimo ha reso noti i numeri della scorsa edizione: oltre 20  mila  metri quadrati, 1.200 espositori provenienti  da oltre 75 Paesi del mondo, 26 mila professionisti del settore che raggiungono i padiglioni di BolognaFiere  per fare il punto sulle ultime tendenze editoriali e digitali, partecipare alle centinaia di workshop e conferenze proposti, visitare le mostre con il meglio dell’illustrazione internazionale. Numeri che confermano nel settore kids and young la leadership mondiale della Fiera bolognese, da oltre 50 anni capace di aggregare comunità internazionali differenti.

Ospiti d’Onore 2017 sono la Catalogna e le Isole Baleari, “un territorio con una lunga tradizione di case editrici specializzate in libri per bambini e ragazzi, una tradizione che risale al Quattrocento con le Publicacions de l’Abadia de Montserrat, la casa editrice più antica d’Europa”, come ha ricordato Manuel Forcano.

Torna la Mostra degli Illustratori, nata nel 1967 e diventata in pochi anni il concorso del settore più prestigioso al mondo e sempre maggior attenzione viene data a Bologna Digital Media, il padiglione, inaugurato con grande successo lo scorso anno, dove l’editoria incontra l’innovazione e i contenuti per ragazzi trovano la propria articolazione multimediale.

Bologna Children’s Book Fair si conferma inoltre il palcoscenico dei premi internazionali per l’editoria per ragazzi: dal BOP– Bologna Prize for the BestChildren’s Publisher of the Year che premia gli editori internazionali; al BolognaRagazzi Award, il riconoscimento che seleziona i migliori progetti grafico-editoriali; il BolognaRagazzi Digital Award, dedicato alle migliori creazioni dell’editoria digitale; il Premio Internazionale d’Illustrazione Bologna Children’s Book Fair– Fundación SM, un riconoscimento per sostenere nuovi talenti dell’illustrazione; il Premio Strega Ragazze e Ragazzi, giunto alla sua seconda edizione, (e che quest’anno valorizzerà sempre più anche il ruolo importantissimo dei traduttori); la borsa di studio ARS IN FABULA – Grant Award; In Other Words, il nuovo progetto del Booktrust del Regno Unito; e infine la nuova edizione del concorso di traduzione promosso da BolognaFiere In Altre Parole.

E una novità: ‘The Illustrators’ Survival Corner’, affidato a Mimaster illustrazione (Milano), nuovo spazio professionale dedicato agli illustratori per condividere esperienze e dubbi, chiedere aiuti e chiarimenti: un luogo di confronto tra illustratori e professionisti che trovano nella Fiera un momento fondamentale.

Lascia un Commento