“Adotta un libro”: il crowdfunding per salvare 8000 opere ebraiche

Recentemente l’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane ha avviato una raccolta fondi, resasi necessaria per il salvataggio e la sanificazione di alcuni volumi antichi, conservati nel Centro Bibliografico dell’organizzazione.
Il numero totale dei manoscritti da restaurare ammonta a 8000. Essi rappresentano non solo un patrimonio per l’ebraismo europeo, ma anche per l’intera cultura italiana. La storia di questi volumi è stata già “piena di insidie”: alcuni di questi furono sequestrati alla comunità ebraica dai nazisti e recuperati fortunosamente a Francoforte nel dopoguerra. Altri furono salvati dall’alluvione di Firenze del 1966 grazie ad ebrei, venuti da ogni angolo della Penisola.
Così l’UCEI ha lanciato la campagna di crowdfunding “Adotta un libro”: con una raccolta fondi online ciascuno avrà la possibilità di dare il proprio contributo per la salvaguardia di questa preziosa collezione libraria. “Lasciare questi volumi nelle condizioni in cui sono ora rischierebbe di farli andare irrimediabilmente perduti. – si spiega nella presentazione del progetto – La tutela di questo patrimonio librario, che costituisce una parte integrante della storia degli ebrei in Italia e nel resto d’Europa, è uno sforzo della massima importanza, non può essere demandata né procrastinata e necessita un’opera capillare di salvataggio”.
Queste opere sono in gravi condizioni: è difficile sfogliarle e leggerne il contenuto.
Dal momento in cui verrà raggiunta la cifra di 25 mila euro si potrà dare il via al progetto di recupero, attraverso 4 frasi:
1.I libri saranno raccolti, imballati e condotti nell’azienda sanificatrice
2.  I libri saranno inseriti in autoclave (cella di asciugatura e disinfezione), e poi asciugati con Ossido di Etilene ed anidride carbonica in autoclave, dove rimarranno per 44 ore.
3. Terminata questa fase inizierà la spolveratura, tramite macchinario aspirante.
4. A Dicembre 2019 al termine della spolveratura i volumi saranno riconsegnati al nostro Ente. Una parte dei libri sarà donata a coloro che hanno partecipato alla campagna ed una parte sarà nuovamente archiviata.
Per saperne di più o donare: https://www.derev.com/adotta-un-libro 

Martina Pia Picariello

Lascia un Commento