Filosofia per non filosofi

Di William Bavone
Bertrand Russell scrive queste pagine nel 1950 con la voglia di sdrammatizzare la gravità della figura filosofica, ma con allo stesso tempo il fine di avvicinare l’uomo alla filosofia quale essenza del pensiero dalla quale, successivamente scaturiscono frutti indelebili della storia (le scoperte scientifiche). Interessante capire grazie all ’autore quanto in realtà la filosofia sia primordiale e indispensabile per la genesi di ciò che poi diventa scienza ovvero materialmente tangibile e comprovabile. Un testo che tuttavia non si esime dal criticare e a tratti beffeggiare alcuni filosofi illustri, colpevoli, secondo Russell, di deviare il proprio  pensiero verso un’esemplificazione e banalizzazione eccessiva, perdendo così l’ampiezza visiva. Scritti inoltre dall’importante valore storico che collegano il pensiero filosofico dell’autore al contesto del dopoguerra, alle barbarie naziste e così via, marcando i propri connotati critici a quanto è stato e sarà.
Interessante vedere come ieri è uguale ad oggi nel passaggio in cui l’autore pensa all’imminenza di una devastazione umana mediante l’utilizzo di armi potentissime che a suo dire”[...]sarà forse una disputa intorno al petrolio persiano, forse una contesa a proposito del commercio cinese, forse un conflitto tra ebrei e musulmani per il controllo della Palestina. Ogni persona dotata di spirito patriottico può vedere che questi problemi sono di tale importanza da rendere lo sterminio dell’umanità preferibile alla codardia di un compromesso [...]”. Sembra un discorso attale che come altri presenti nel testo, rendono lo
stesso di interesse attuale ed un utile strumento per carpire l’importanza di riacquisire prima di tutto un contatto con il pensiero filosofico. Perché ? Per saper ben leggere ciò che oggi ci accade intorno in ogni contesto e ambiente con il quale interagiamo dato che “[...] non esiste stupidaggine così grossolana, che con un’adeguata azione di governo [l’autore in questo frangente include ogni azione di gestione quale può essere un governo statale o una religione], non possa esser fatta diventare il credo della grande maggioranza delle persone [...]”…parola di Russell.
Bertrand Russell
Filosofia per non filosofi
Piano B Edizioni, 2016
pp. 184, euro 13,

Lascia un Commento