Fluxbooks. Libri d’artista a Venezia fino al 26 aprile

Si inaugura a Venezia il 4 marzo il progetto FluxBooks - From the Sixties to the future. Artists’ books from the Luigi Bonotto Collection.

Articolato in due mostre, che presenteranno rispettivamente i libri d’artista prodotti in ambito Fluxus (Galleria di Piazza San Marco) e i lavori realizzati dai giovani artisti della Bevilacqua La Masa a partire dallo studio di questi materiali (sede di Palazzetto Tito), FluxBooks si terrà dal 4 marzo al 26 aprile 2015.
FluxBooks è un progetto nato dalla collaborazione tra la Fondazione Bonotto e la Fondazione Bevilacqua La Masa con l’intento di rilanciare verso il futuro una delle poetiche più radicali ed utopistiche sviluppatesi nel secolo scorso.

Le numerose esperienze estetiche avvicendatesi durante il Novecento hanno trovato nel libro d’artista un felice medium di sperimentazione. La sua sempre più facile produzione, anche grazie al diffondersi di mezzi di stampa relativamente poco costosi e di facile uso, lo ha portato ad essere eletto, in alcuni ambiti poetici, a vero e proprio tòpos anche nelle forme più avanzate della sua negazione.
Fluxus è senza dubbio uno dei momenti di più feconda e irriverente trasformazione del medium libro.

Di fatto, le sperimentazioni operate dagli artisti legati al gruppo organizzato da George Maciunas hanno segnato profondamente il modo di concepire l’oggetto libro.
L’evoluzione più evidente, nella sua drastica negazione dell’oggetto libro in sé, è senza dubbio l’elezione degli oggetti più disparati al rango di libro. Oggetti che si presentano come enigmatici e assolutamente illeggibili se non come metafora strettamente connessa alla poetica sviluppata dall’autore del libro stesso. Sono i cosiddetti “libri oggetto”, definizione che evidenzia la ancora difficile assimilazione di una così secca posizione rispetto ad un oggetto da sempre depositario della cultura e della memoria umana.
La più ardita trasformazione, anche se forse ancora oggi la meno analizzata, avviene nell’impostazione grafica che porta avanti le intenzioni delle avanguardie storiche di primo Novecento arrivando ad influenzare la
produzione contemporanea.

Le mostre

FluxBooks: From the Sixties…
Mostra a cura di Giorgio Maffei e Patrizio Peterlini
Sede espositiva:
Fondazione Bevilacqua La Masa
Galleria di Piazza San Marco
San Marco 71c – 30124 Venezia

L’esposizione raccoglierà i libri d’artista prodotti in ambito Fluxus in un arco temporale che va dalla sua costituzione, all’inizio degli anni Sessanta, fino alla morte del suo ideatore George Maciunas avvenuta alla fine degli anni Settanta.
Ai libri saranno affiancati vari documenti (poster, inviti, foto, video, etc.) utili a ricostruire il clima culturale dell’epoca.

Opere in mostra di: Marcel Alocco, Eric Andersen, Joseph Beuys, George Brecht, Stanley Brouwn, John Cage, José L. Castillejo, Giuseppe Chiari, Philip Corner, Willem De Ridder, Jean Dupuy, Robert Filliou, Albert M. Fine, Henry Flynt, Bici Forbes Hendricks, Ken Friedman, Al Hansen, Geoffrey Hendricks, Juan Hidalgo, Dick Higgins, Ray Johnson, Joe Jones, Allan Kaprow, Milan Knížák, Alison Knowls, Arthur Koepcke, Jackson Mac Low, George Maciunas, Walter Marchetti, Jonas Mekas, Claes Oldenburg, Yoko Ono, Nam June Paik, Dieter Roth, Takako Saito, Gianni Emilio Simonetti, Daniel Spoerri, Ben Vautier, Wolf Vostell, Robert Watts, Emmett Williams, La Monte Young.

 

FluxBooks:…to the Future
Mostra a cura di Stefano Coletto e Angela Vettese
Sede espositiva:
Fondazione Bevilacqua La Masa
Palazzetto Tito
Dorsoduro 2826 – 30123 Venezia

Fluxus è stato un movimento artistico che si è sviluppato tra la fine degli anni Cinquanta e gli anni Ottanta. Il suo spirito non era quello di un gruppo chiuso ma di un flusso aperto di persone e attitudini nell’atmosfera di
cambiamenti etici radicali del Dopoguerra avanzato.

Opere in mostra di: Giuseppe Abate, Paola Angelini, Anemoi (Daniela Da Silva Ferreira, Laura Di Nicolantonio, Maria Elena Fantoni e Nataša Vasiljević), Marko Bjelančević, Pamela Breda, Saverio Bonato, Samuele
Cherubini, Graziano Meneghin, Jacopo Trabona, Fabrizio Perghem, Fabio Roncato, Caterina Erica Shanta, Gli  Impresari (Edoardo Aruta, Marco Di Giuseppe, Rosario Sorbello), Eleonora Sovrani.
In dialogo con opere di: George Brecht, Stanley Brouwn, John Cage, Robert Filliou, Ken Friedman, Geoffrey Hendricks, Allan Kaprow, GeorgeMaciunas, Yoko Ono, Daniel Spoerri

Il legame tra le due mostre sarà reso non solo attraverso l’allestimento, che prevederà delle connessioni video o web, ma soprattutto in una pubblicazione in due volumi che restituirà unitarietà all’intero progetto.

Inaugurazione: 4 marzo 2015 ore 17.00
La mostra rimarrà aperta nelle due sedi fino al 26 aprile 2015 con i seguenti orari:
Dal martedì alla domenica, 10.30 – 17.30

Info e contatti:

Fondazione Bonotto
Via dell’Artigianato 39
36060 Vicenza
www.fondazionebonotto.org
info@fondazionebonotto.org
Tel. +39 3425282876
Fondazione Bevilacqua la Masa
Palazzetto Tito
Dorsoduro, 2826 – 30123 Venezia
www.bevilacqualamasa.it
Info@bevilacqualamasa.it
Tel. +39 041 5207797

Lascia un Commento