“Giropoetando nel web”. “L’ultima notte di carnevale” di Giuseppe Caporuscio

“Giropoetando nel web” a cura di Fiorella Cappelli: l’idea è quella di girovagare in rete alla ricerca di poesie inedite di giovani poeti. Le poesie saranno, come sempre, selezionate dalla nostra collaboratrice Fiorella Cappelli (che potete contattare via email a fiorellacomunicazioni@yahoo.it, sito www.fiocarella.blogspot.itwww.fiorellacappelli.weebly.com

Questa settimana il tema è il Carnevale.

La poesia di oggi è di Giuseppe Caporuscio.

 

L’ultima notte di carnevale

Orde d’anime, allegre e vagabonde

s’ammassano nei vicoli e le vie,

fra maschere e costumi, le follie,

si sommano in festanti baraonde.

 

il tuo mantello oscuro, nella notte,

si allarga e il desiderio trepidante

nella femminea maschera ammaliante,

s’incolla al corpo amato e poi lo inghiotte.

 

Come una ragnatela, affascinante,

che non dà morte e genera la vita,

sospesi in questa notte ch’è infinita,

stringi al tuo cuore il prigioniero amante.

 

Come la legna brucia nel camino,

nella penombra è cieca la ragione

per quell’abbraccio caldo di passione

che non si scioglierà fino al mattino.

 

Poi, mentre albeggia, ti rivesti piano,

finita la magia del Carnevale,

gli lasci un bacio e mentre il giorno sale,

torni ad un mondo tiepido e lontano.

 

Giuseppe Caporuscio

Lascia un Commento