L’800 a Padova, oggi

Dal 7 al 16 dicembre debutta un nuovo festival culturale – firmato Sugarpulp e realizzato con l’Assessorato alla Cultura del Comune di Padova – dedicato al fascino e alle suggestioni dell’Ottocento tra arte, letteratura e scienza.
La prima edizione dell’800 Padova Festival celebra dunque il secolo centrale per la cultura contemporanea, coinvolgendo i tanti luoghi di una città che proprio in quell’epoca visse un periodo d’oro. “Si vuole celebrare un passato potente e magnifico senza perdersi nella nostalgia – afferma Matteo Strukul, direttore artistico della kermesse -. Nell’Ottocento l’arte, la letteratura, la musica, la scienza e la medicina hanno raggiunto risultati incredibili, per questo abbiamo voluto riunire una serie di partner di altissimo profilo culturale: oltre al Pedrocchi cito l’Università di Padova con il suo nuovo Museo di Anatomia Patologica, il Parco Letterario Francesco Petrarca e dei Colli Euganei, il MUSME – Museo della Medicina e il Planetario di Padova, per concludere con la Fondazione Il Vittoriale degli Italiani”.
Tra i protagonisti del festival segnaliamo Giordano Bruno Guerri, Mauro Corona, Nicolai Lilin, Adrian Fartade, Francesca Cavallin, Simonetta Nardi, Gabriele Campagnano, Silvia Gorgi, Grimilde Malatesta, Sarah Orvan, Simonetta Nardi, Amarillide Twin e tanti altri. “Per Sugarpulp questa è l’ennesima sfida culturale – sottolinea Giacomo Brunoro, presidente di Sugarpulp -, creare un festival capace di divertire ed incuriosire il pubblico con contenuti di qualità. Sperimentiamo un format inedito fatto di incontri letterari, divulgazione scientifica, reading teatrali e rievocazioni storiche”.
Il programma, ricchissimo, prevede incontri letterari, tra lectio magistralis sulla letteratura russa dell’Ottocento e il fascino di Eleonora Duse, reading dedicati ai più grandi scrittori del secolo celebrato, spettacoli a carattere storico-scientifico, rievocazioni storiche con tanto di figuranti in abiti storici che trasporteranno il pubblico in un vero e proprio viaggio nel tempo e infine tour guidati per riscoprire il volto nascosto della città del Santo: i segreti del Pedrocchi massonico, le botteghe storiche, il Teatro Anatomico dell’Università e il nuovissimo Museo di Anatomia Patologica, oltre alle vie e ai palazzi che nascondo aneddoti e curiosità.
L’800 Padova Festival si propone di essere molto più di un semplice festival: sarà anche l’occasione per celebrare un secolo vitale nel mondo letterario ed artistico, ancora pieno di fascino anche ai giorni nostri.

Il programma dettagliato è disponibile su www.800padovafestival.it
info@sugarpulp.it

Lascia un Commento