La Girannola “Maravija der Tempo”

Inauguriamo questo spazio dedicato alla poesia con un sonetto in vernacolo romanesco della nostra amica e  scrittrice Fiorella Cappelli. 

Er ventinove Giugno a Roma è festa,
e appena è notte e er celo se scolora
Lei pe st’evento, che du’ santi onora,
mette le luminarie ne la vesta.

Fu Papa Sisto Quarto, a gran richiesta,/
er primo a fa piazzà li fochi fora
de la Mole Adriana, detti allora
Maravija der Tempo manifesta.

Dall’Angelo a la cima de Castello
co’ le micce appicciate una per una
Partiva lo spettacolo più bello!

Poi, a ‘na cert’ora, su ‘sto carosello
faceva capoccella Sora Luna
co’ millanta stelline ner mantello.

Fiorella Cappelli(c)

Qualche informazioni sul sonetto che avete appena letto: “La Girannola “Maravija der Tempo” è dedicato  alla girandola di Castel Sant’Angelo e alla sua rievocazione con i fuochi d’artificio in occasione della festa del 29 giugno dedicata ai SS.  Pietro e Paolo, Patroni di Roma. Il sonetto sarà letto il 29 giugno in occasione della Girandola di Castel Sant’Angelo sul Ponte degli Angeli.
Nel 2012 la poesia è stata premiata al Campidoglio con il diploma al merito. Il sonetto è pubblicato in “Pensieri Maturi” di F. Cappelli.

One Response to La Girannola “Maravija der Tempo”

  1. Una fiera risposta

    Fiera, fu la risposta,
    messa lì, in bella mostra,
    ottemperando alle regole del passato.
    Cosa ci ho guadagnato?
    La vita, la salute e l’amore.
    Brindiamo in quest’oggi eterno,
    alziamo i calici al cielo
    e non sarà di meno,
    il nostro profetar.
    Orsù, miei belli,
    miei cari fratelli,
    facciamo sì che il bello
    debba ancora arrivar!

    Giovanni Minio

Lascia un Commento