La poetica della vita di Davide Casu

In un libro il mondo interiore e non solo di un artista che si è messo in gioco nella musica, nella scrittura e nella pittura.

di MICHELA ZANARELLA

Il mare, la Sardegna, l’amore e l’esistenza. E’ un viaggio tra le emozioni quello che Davide Casu ci offre nel cofanetto Poetica edito da Abbà. Un progetto editoriale particolare che racchiude dipinti, racconti, poesie, canzoni, pensieri di un giovane artista determinato e profondamente curioso della vita. Talento versatile Casu riesce con uno stile che lo identifica a cogliere la profondità delle cose e a trasformarle in realtà creative avvolgenti. E’ stato tra i protagonisti di aMare Leggere, Festival della letteratura per ragazzi sul mare a bordo della nave dei libri per Barcellona dal 18 al 21 marzo, ed è ancora ospite per la Nave dei libri di aprile, entrambe organizzate da Leggere:tutti in collaborazione con Grimaldi Lines, l’Istituto italiano di cultura e la Casa degli Italiani di Barcellona. Davide Casu è riuscito a portare la sua voce tra i giovani, raccontando in musica ciò che percepisce del mondo, quel legame profondo con le proprie origini, i luoghi, la natura, gli affetti. La sua esperienza artistica prende forma da Alghero, città sarda dove è nato, per poi arrivare a Torino e Madrid. E’ in terra iberica che domina l’ispirazione pittorica e infatti saranno numerose le esposizioni tra Alicante, Madrid, Illescas e Ciudad Real, dove riceve ottimi riscontri dalla critica e dal pubblico. La chitarra non lo abbandona mai, e anche in Spagna i concerti non mancano. Il rientro in Sardegna però lo proietta a concentrarsi nella scrittura. Pubblica nel 2011 ‘C’eran los Suelgius’, opera letteraria in tre lingue, nel 2013 dà alle stampe ‘Cabudianas’ con Nemapress, nel 2014 esce il romanzo Baddes, nel 2015 arriva una raccolta di poesie dal titolo ‘Hablando con Castilla’. ‘Poetica’ segna una sorta di tappa della maturità e non è un caso che all’interno di questo lavoro ci sia un vero e proprio percorso fatto di esperienze, contaminazioni, interazioni. C’è la fusione tra le arti, non è solo un libro, c’è anche un cd, ma a dire il vero è qualcosa che va oltre tutto questo: tra le pagine emerge l’anima di chi vive a pieno ogni attimo, quasi a centellinare i colori, gli odori, le gioie e i dolori. Nella semplicità di scrittura, nella purezza delle espressioni, sono racchiusi gli sguardi di un ragazzo che non si nasconde e che cerca di impegnarsi socialmente attraverso ciò che sa fare. Ogni genere che Casu affronta ha un valore universale, collettivo. Dipinge, scrive e canta affrontando tematiche delicate e complesse: il rispetto per l’ambiente, per le tradizioni, per l’uomo stesso. Gli elementi della natura sono la fonte da cui attinge per dare forma alle immagini: il vento, il mare, il frumento, le colline, le rose, entrano come presenze indelebili negli occhi del lettore, che si lascia incantare dalla magia e dal ritmo di ciò che viene descritto. I testi delle poesie e delle canzoni si distinguono per lo stile raffinato e semplice, fanno emergere la spontaneità, la musicalità dei versi, che scorrono piacevolmente senza alcuna forzatura. C’è da tenere in considerazione il buon cantautorato che ci presenta Casu: la vocalità è interessante, il fatto che lui scelga anche di interpretare un brano in dialetto algherese rende ancora più stretto e prezioso il legame con la terra sarda. Mantenere viva la lingua locale è un atto d’amore che dimostra grande sensibilità. Da buon poeta Davide non si lascia sfuggire la purezza e l’essenzialità di ciò che vede intorno a sé, conservare la bellezza del dialetto vuol dire proteggere la storia di un popolo, fare tesoro di tutto ciò che è stato il passato. Si affida alle acque del mare il giovane artista, sa che la vita è un transitare, un precipitare per poi rialzarsi e se è possibile tornare in superficie tra note, colori e parole, l’approdo è sicuramente qualcosa di meraviglioso.

 

Michela Zanarella

Davide Casu è stato con noi sulla Nave di aMare Leggere e sarà anche sulla Nave di libri per Barcellona (21-26 aprile)

http://www.leggeretutti.net/site/a-barcellona-con-amareleggere/

Lascia un Commento