L’enigmistica di casa Leopardi. Incontro con Federico Mussano a Roma il 27 novembre

27 novembre 2014
17:30a19:00

Giovedì 27 novembre ore 17.30-19.00
Casa delle Traduzioni
Via degli Avignonesi, 32

Lo “studio matto e disperatissimo” di Giacomo Leopardi trovò il contesto ideale nella ricca biblioteca allestita dal padre a Recanati, il conte Monaldo. Padre e figlio, due vite assai diverse ma entrambe con la carta stampata come comune denominatore: non solo libri, anche riviste. Era infatti Monaldo Leopardi l’animatore del quindicinale “La voce della ragione”, uscito a Pesaro nel 1832 e interessante non solo come testimonianza delle posizioni conservatrici di Monaldo ma anche delle sue forme espressive.
Una di queste forme era l’enigmistica (in particolare le sciarade, il gioco enigmistico in cui Monaldo Leopardi meglio esprimeva le proprie doti di autore di giochi di parole) e non c’è da sorprendersi nel rilevare come la vis polemica del conte non mancasse di esprimersi anche nel regno di Edipo e della Sfinge (ad esempio con un attacco ai “giansenisti della sciaraderia”) e che parole legate all’impegno politico come papavero (enigmisticamente scindibile in “Papa vero”), re, popolo e simili si ripetessero con frequenza negli schemi dei giochi. Notevole invece la sorpresa nell’aver recentemente scoperto che anche Giacomo un’incursione (sebbene breve, forse l’unica) nel mondo dell’enigmistica la compì, anche lui componendo una sciarada.

Federico Mussano. Enigmista dal 1976 con attività iniziale rivolta ai giochi in versi per poi attivarsi dal 1998 nel settore del rebus con collaborazioni alla Settimana Enigmistica e al Leonardo (organo ufficiale dell’ARI – Associazione Rebussistica Italiana) di cui è attualmente redattore. Dopo aver scritto in passato per Focus e Focus Storia, attualmente collabora al Carabiniere, a Penombra (rivista che ha visto la recente pubblicazione, ad opera di Franco Diotallevi, degli studi sulle sciarade di Monaldo Leopardi) e cura la rubrica di giochi e di storia dell’enigmistica del mensile Leggere:tutti in cui, tra i vari temi trattati, sono stati presentati i rebus di Giovanni Pascoli e considerazioni sull’enigmistica europea negli ultimi secoli. Ha scritto il saggio Rebus d’oltreconfine sul catalogo della mostra Ah, che rebus! tenutasi nel 2010-2011 all’Istituto Nazionale della Grafica e ha pubblicato (in collaborazione con E.Caffarelli, F.Dragotto, D.Scipioni), Scientia in rebus est (Universitalia, 2013) presentato nei mesi scorsi alla Casa delle Traduzioni.

www.comune.roma.it/wps/portal/pcr?jppagecode=casa_traduzioni.wp

Lascia un Commento