L’Isola delle storie. X edizione Festival letterario della Sardegna a Gavoi

4 luglio 2013a7 luglio 2013

Ci vogliono tempo, dedizione, menti aperte e recettive, curiosità e fatica per trasformare un’idea in qualcosa di reale, per farla crescere e migliorare, per alimentarla e tenerla in vita senza che l’essenza si perda nel cammino diventando qualcosa di diverso da ciò che era in principio.
Sono trascorsi dieci anni e il Festival della Sardegna continua ogni estate a raccontare storie con la stessa attenzione e passione di sempre, fedele e presente al proprio modo di essere e di intendere i libri e i racconti, che sono l’anima e il corpo del pensiero che l’ha generato.

Il Festival Letterario della Sardegna che si tiene a Gavoi (NU) dal 4 al 7 luglio 2013 – organizzato dall’Associazione Culturale l’Isola delle Storie, con il Patrocinio della Presidente del Consiglio Regionale della Sardegna, con il sostegno di Regione Autonoma della Sardegna, Comune di Gavoi, Camera di Commercio, Industria, Agricoltura e Artigianato di Nuoro, Fondazione Banco di Sardegna, Banca di Sassari, Provincia di Nuoro, Enel, GAL BMGS, Bim Bacino Imbrifero Montano del Taloro, Comune di Lodine, con la collaborazione e il contributo di EUNIC, Goethe-Institut, Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, Forum Austriaco di Cultura di Roma, British Council, Istituto di Cultura Polacco di Roma e il MAN – Museo d’Arte della Provincia di Nuoro – è reso possibile anche e soprattutto dal lavoro volontario di tutti cittadini che con grande disponibilità e gentilezza accolgono un pubblico sempre più numeroso.

La X edizione si apre giovedì 4 luglio 2013 alle ore 22.00 con lo spettacolo musicale “L’Isola delle Storie, concerto per l’Europa a Gavoi” – sostenuto dalla Banca di Sassari, co-finanziato dagli Istituti di Cultura Europei: Goethe-Institut, Forum Austriaco di Cultura di Roma, Istituto Romeno di Cultura e Ricerca Umanistica di Venezia, Istituto di Cultura Polacco di Roma e dall’Associazione l’Isola delle Storie e realizzato nell’ambito delle linee di intervento dell’EUNIC – European Union National Institutes for Culture – che rappresenta una novità assoluta per il Festival.
I sei musicisti – Christopher Dell, vibrafono e coordinatore del gruppo (Germania), Gavino Murgia, sassofono (Italia), Lelio Giannetto, basso (Italia), Wolfgang Reisinger, batteria (Austria), Nicolas Simion, clarinetto (Romania), Maciej Fortuna, tromba (Polonia) – attesi a Gavoi qualche giorno prima dell’inizio del Festival, sono chiamati ad eseguire una composizione musicale originale realizzata durante il loro periodo di permanenza sull’isola e ispirata all’esperienza e alle suggestioni che il luogo ha suscitato loro.

A partire dal giorno successivo – venerdì 5 luglio – hanno inizio gli incontri che si articolano in differenti momenti distribuiti tra mattino, pomeriggio e sera. Si comincia alle ore 10.30 con l’appuntamento d’apertura Dal Balcone presentato quest’anno dalla giornalista Zita Dazzi che incontra gli scrittori Andrea Canobbio venerdì 5, Maurizio De Giovanni sabato 6 e Marco Malvadi domenica 7.

Nell’appuntamento di metà mattina – alle ore 12.00 a Sant’Antiocru – dall’evocativo titolo Mezzogiorno di fuoco e moderato dal conduttore, giornalista e scrittore Federico Taddia, si confrontano sul palco rispettivamente, venerdì 5, gli scrittori Giorgio Todde e Andrea Ballarini in un Elogio alla cialtroneria, sabato 6 la Direttrice del Goethe-Institut Susanne Höhn e la responsabile per la sezione Arts del British Council in Italia Alison Driver  che offrono, nell’incontro L’Italia vista dalla luna – chiaro rimando al film di Pasolini – il loro punto di vista “esterno” sul Belpaese, domenica 7, i giornalisti Gianluigi Nuzzi e Loredana Lipperini che nell’incontro Segreti e bugie affrontano il tema delle verità nascoste, non solo intese come giornalismo d’inchiesta ma anche riferite alle storie di donne spesso raccontate dalla Lipperini stessa.

I primi ospiti della fascia pomeridiana – che si apre come di consueto alle ore 16.00 con lo spazio dedicato ai Reading – sono il noto ed irriverente vignettista Vauro, ospite nella giornata di venerdì 5, l’attore Fabrizio Gifuni con Il Pasticciaccio sabato 6 e, domenica 7, lo scrittore Lorenzo Amurri che presenta il suo Apnea accompagnato dalla voce di Daniele Monachella.

La forte collaborazione con gli Istituti di Cultura Europei inaugurata in questi anni – arricchita in questa edizione dalla presenza del British Council e ulteriormente consolidata dal progetto del concerto inaugurale – continua anche negli spazi degli incontri con gli autori delle 17.15. Nella giornata di venerdì 5 luglio è, infatti, ospite sul palco insieme alla giovane scrittrice Marta Pastorino, lo scrittore inglese Alex Wheatle, sabato 6 sono protagonisti gli scrittori Annamaria Falchi e Marco Porru, mentre domenica 7 è in programma un appuntamento dal respiro internazionale con la poetessa e scrittrice rumena Ruxandra Cesereanu e il poeta austriaco Karl Lubomirski. Grazie, invece, alla collaborazione con Liberos – rete nata nel 2012 quale luogo di confronto e occasione di scambio e sostegno tra autori, editori e librai sardi – sul palco a fare gli onori di casa è la scrittrice Chiara Valerio.

Alle ore 19.30, invece, in uno degli spazi più amati dal pubblico, sono attesi la nota scrittrice Paola Mastrocola venerdì 5 e lo scrittore cileno, Antonio Skármeta sabato 6, entrambi introdotti dalla giornalista e conduttrice Loredana Lipperini, mentre, domenica 7, è il momento di Simonetta Agnello-Hornby, scrittrice conosciuta al grande pubblico e molto apprezzata in tutto il mondo.

Lascia un Commento