“Non lasciare la mia mano” di Michel Bussi

Un omicidio non è un omicidio se non c’è un cadavere, e il cadavere di Liane Bellion non si trova. Eppure ci sono schizzi di sangue nella sua camera d’albergo. Ed è sparito un coltello. E qualcuno giura di aver visto il marito, Martial, spingere un carrello fino al parcheggio con fare sospetto: il cadavere della moglie? È la settimana di Pasqua e l’isola della Réunion, paradiso tropicale francese in mezzo all’oceano Indiano, pullula di turisti, il che non impedisce alla giovane e ambiziosa comandante della brigata di gendarmeria, Aja Purvi, di affrontare il caso senza riguardi per nessuno. Nelle indagini è coadiuvata dal fido sottotenente Christos Konstantinov. È caccia all’uomo sull’isola intensa, come i francesi chiamano La Réunion. La rocambolesca fuga del protagonista ha dell’incredibile: come fa un uomo solo, con una bambina di sei anni al seguito, a sgusciare continuamente tra le maglie dello spiegamento di forze più imponente che sia mai stato messo in atto sull’isola? Ma forse c’è lo zampino di una misteriosa dama azzurra con l’ombrello… Ancora una volta Michel Bussi stupisce tutti con un finale che è un colpo di scena del tutto inaspettato. Tradotto in circa trenta lingue, Michel Bussi è l’autore francese di gialli attualmente più venduto oltralpe.

 

Michel Bussi

Non lasciare la mia mano

Edizioni E/O, 2017

pp. 368, euro 16,00  in omaggio per i nuovi abbonati

 

http://www.leggeretutti.net/site/a-barcellona-con-amareleggere/

Lascia un Commento