Premio Fondazione Megamark – Incontri di Dialoghi: i cinque finalisti

E’ stata annunciata la cinquina dei romanzi finalisti del premio  promosso dalla Fondazione Megamark di Trani e aperto alle case editrici di tutta Italia e agli autori alla loro prima pubblicazione nella categoria romanzi e che ha visto in gara ben 71 opere proposte da oltre 50 case editrici: un record per il premio, che nell’edizione precedente aveva visto la partecipazione di 53 opere.

I cinque finalisti sono: ‘Benevolenza cosmica’ (Ed. Adelphi) di Fabio Bacà, ‘La lettrice di Čechov’ (Ed. Nottetempo) di Giulia Corsalini,  ‘Hamburg La sabbia del tempo scomparso (Ed. Il Saggiatore) di Marco Lupo, , ‘Lux’ (Ed. Neri Pozza) di Eleonora Marangoni,  e ‘L’inverno di giona’ (Ed. Mondadori) di  Filippo Tapparelli,

 

Menzione speciale della giuria degli esperti va a  ‘La distanza tra me e il ciliegio’ (Ed. Rizzoli) della mantovana Paola Peretti «per la sua capacità di proporre a un pubblico ampio di lettori, anche molto giovani, un messaggio di fiducia nel confronto con le difficoltà della vita».

 «Rispetto al 2016 – ha spiegato il cavaliere del lavoro Giovanni Pomarico presidente della Fondazione Megamark – il numero di partecipanti è quasi triplicato, segno che il nostro premio letterario si sta affermando, edizione dopo edizione, nel panorama editoriale dedicato agli scrittori esordienti. Faccio i miei auguri ai cinque finalisti e i complimenti alla giovane autrice che ha ricevuto la menzione speciale per il suo romanzo in grado di suscitare grandi emozioni».

 

La serata finale del “Premio Fondazione Megamark – Incontri di dialoghi” è in programma il prossimo 20 settembre al Palazzo delle Arti Beltrani nell’ambito della XVIII edizione de “I Dialoghi di Trani”, con la conduzione speciale dell’autrice e conduttrice televisiva Serena Dandini.

Lascia un Commento