Scerbanenco: il premi oche profuma di giallo

Fino al 18 novembre  i lettori potranno contribuire all’assegnazione del premio

di Valerio Calzolaio

Da molti decenni una giuria individua quello che potrebbe essere stato il miglior giallo italiano nei dodici mesi precedenti e dal 1997 questo titolo si chiama Premio Scerbanenco, Giorgio Scerbanenco (Kiev, 1911 – Milano, 1969) fu uno degli indiscussi “maestri” del genere.

Delimitiamo il campo innanzitutto: possono venire iscritte al Premio, dalla casa editrice o dallo stesso autore, tutte le opere di lingua italiana di narrativa noir (giallo, thriller, mystery); i testi devono risultare pubblicati per la prima volta in volume cartaceo (o anche ma non esclusivamente in e-book) nel periodo 1 ottobre dell’anno precedente – 31 ottobre dell’anno in corso, regolarmente in commercio nella forma cartacea, nelle librerie nazionali e attraverso la rete, e i loro autori risultare viventi.

Dal 1997 al 2016 hanno vinto ventidue grandi scrittori (di cui 5 grandi scrittrici), fra di loro ovviamente Fois, Carlotto, De Cataldo, De Giovanni, Carofiglio; una volta una coppia (Guccini – Macchiavelli); una volta un ex-aequo (Barbara Garlaschelli – Colaprico), altre volte una menzione speciale e, dal 2016, il premio dei lettori. L’iniziativa del Premio è della Direzione dell’annuale Noir in Festival (quest’anno a Milano e Como dal 4 al 9 dicembre), in accordo con la famiglia Scerbanenco. Nel 2017 sono risultate iscritte 100 opere, gli autori non sono proprio altrettanti, alcuni hanno presenti un paio di opere, altri scrivono in coppia o in trio, circa il venti per cento sono autrici. Gli editori italiani rappresentati sono una cinquantina.

Attenzione: in questi giorni il comitato selezionatore della giuria ha individuato le 25 opere (qui sotto) che saranno ulteriormente valutate dalla giuria e votate dai lettori in vista dell’assegnazione del Premio per determinare la cinquina dei finalisti concorrenti all’edizione 2017 del Premio. E qui potete entrare in azione anche voi! Fino alla mezzanotte del 18 novembre ogni lettore potrà votare i 5 titoli preferiti sul sito del festival, www.noirfest.com. La cinquina dei finalisti sarà determinata dalla somma ponderata dei voti dei lettori e della Giuria Letteraria e presentata (con autori e autrici) nell´ambito di Noir in Festival alla Fondazione Giangiacomo Feltrinelli di Milano lunedì 4 dicembre; tra loro la Giuria Letteraria sceglierà il vincitore del Premio Giorgio Scerbanenco 2017 che verrà premiato la sera del giorno stesso presso l’Anteo Palazzo del Cinema.

Come è noto, in Italia legge qualche libro l’anno una minoranza dei cittadini e scrive un libro spesso una buona parte dei lettori di libri. Ciò crea vari ordini di problemi alla vita culturale del paese (su cui talora indaga LeggeteTutti e su cui torneremo forse in altra occasione). Resta il fatto che per scrivere davvero costantemente bene occorre leggere molto e variamente.

Come è noto, la narrativa di genere noir è parte cospicua dei libri letti e scritti e ciò non da oggi e per varie ragioni letterarie e sociali. Definire in modo chiuso e conclusivo qualsiasi genere nell’evoluzione delle varie letterature nazionali è impossibile: intrecci, contaminazioni, episodi sono all’ordine del giorno. Resta il fatto che il lato criminale e investigativo della vita relazionale e sociale interessa molti.

Come è noto, il mondo dell’editoria va vissuto criticamente (anche per l’intreccio con giornalismo e televisione, festival e fiere, mercato e pubblicità) e non bisogna dare peso eccessivo alle gerarchie letterarie di fronte al variegato gusto e alla plurale funzione della lettura. Ciò vale anche per il senso e gli effetti dei premi letterari. Resta il fatto che la serie storica di molti riconoscimenti aiuta a districarci fra un’enorme offerta di opere in ogni libreria e online.

 

1. ERICA AROSIO & GIORGIO MAIMONE, Cinemascope, Tea

2. BIAGIO BOLOCAN, Il traduttore, Feltrinelli

3. LUIGI R. CARRINO, Alcuni avranno il mio perdono, E/O

4. MARCO COSENTINO, DOMENICO DODARO, LUCA PANELLA, I fantasmi dell’impero, Sellerio

5. LUCA D’ANDREA, Lissy, Einaudi

6. CARLO F. DE FILIPPIS, Il paradosso di Napoleone, Mondadori

7. ROMANO DE MARCO, L’uomo di casa, Piemme

8. FEDERICA FANTOZZI, Il logista, Marsilio

9. MARCELLO FOIS, Del dirsi addio, Einaudi

10. CARLO LUCARELLI, Intrigo italiano, Einaudi

11. MASSIMO LUGLI, Il criminale, Newton Compton

12. ELENA MEARINI, È stato breve il nostro lungo viaggio, Cairo

13. BRUNO MORCHIO, Un piede in due scarpe, Rizzoli

14. DIVIER NELLI, Il giorno degli orchi, Guanda

15. PIERGIORGIO PULIXI, La scelta di buio, E/O

16. ROBERTO RICCARDI, La notte della rabbia, Einaudi

17. PASQUALE RUJU, Nero di mare, E/O

18. PIERNICOLA SILVIS, Formicae, Società Editrice Milanese

19. GIAMPOLO SIMI, La ragazza sbagliata, Sellerio

20. MARCELLO SIMONI, Il marchio dell’inquistitore, Einaudi

21. MASSIMO TALLONE & BIAGIO F. CARRILLO, La casa della mano bianca, Del Capricorno

22. ROSA TERUZZI, La fioraia del Giambellino, Sonzogno

23. NICOLA VERDE, Il vangelo del boia, Newton Compton

24. FLAVIO VILLANI, Il nome del padre, Neri Pozza

25. MIRKO ZILAHY, La forma del buio, Longanesi

 

 

Lascia un Commento