Salerno Letteratura torna con molti appuntamenti

Ritorna Salerno Letteratura dal 15 al 23 giugno con una giornata di anteprima il 14.
Il più grande festival letterario del Sud sarà una dieci giorni a cui parteciperanno oltre 200 fra scrittori, musicisti, attori e artisti italiani e stranieri. In cartellone ospiti da 21 diversi Paesi, dagli Stati Uniti alla Cina, dalla Colombia all’islanda, dal Canada al Regno Unito. Dopo aver costruito la sua partnership a livello europeo, associandosi a festival che si tengono in Portogallo, Irlanda, Spagna e Francia, e dopo aver ottenuto l’Effe label, la certificazione europea assegnata alle manifestazioni culturali e artistiche più interessanti del continente, il festival ha rinsaldato i legami con le proprie radici, avviando proficue collaborazioni con manifestazioni analoghe in Italia e in particolare nelle regioni meridionali.
Nelle nove giornate successive, tra i protagonisti stranieri, il festival ospiterà Anthony Cartwright, autore di Il taglio, il romanzo della Brexit; David Foenkinos che ha firmato il bestseller francese Verso la bellezza, il grande scrittore americano Jay Parini, a Salerno per presentare L’apprendista amante, racconto delle esperienze di un giovane americano a Capri; il celebre scrittore di noir Chris Offutt, autore di Mio padre, il pornografo; Richard Powers, recentissimo vincitore del premio Pulitzer 2019, che in Il sussurro del mondo affronta il complesso rapporto tra l’uomo e l’ambiente; Nathalie Handal, poetessa e scrittrice palestinese-americana nata ad Haiti, con la quale Salerno Letteratura avvia la colaborazione con la grande rivista di letteratura mondiale Words Without Borders; Nathasha Solomons, autrice del besteseller inglese I Goldbaum e Qiu Xiaolong, il più famoso autore cinese di gialli. E ancora, Dieter Richter, Ragnar Jonasson, Ornella Vorpsi, i poeti irlandesi Paul Casey, Kathy D’Arcy, Julie Goo, Stanley Notte, il poeta anglo-francese John Elliot. Nutrito e altrettanto qualificato il gruppo degli italiani, da Filippo Ceccarelli a Giuseppe Antonelli, Angelo Guglielmi, Gino Vignali, Patrizia Valduga, Enrico Ianniello, Giacomo Papi, Francesco Filippi, Federico Fubini, Valerio Massimo Manfredi, Elisabetta Rasy, Elena Stancanelli. Il segmento dedicato alla narrativa di tensione è stato curato da Luca Crovi, mentre lo scrittore Ermanno Cavazzoni sarà protagonista della serata-clou di un percorso laboratorio di scrittura potenziale aperto agli esperimenti ludo-linguistici elaborati dal pubblico.
Anche quest’anno Salerno Letteratura avrà il privilegio di ospitare nella serata del 15 giugno la cinquina dei finalisti del Premio Strega. E, per restare in tema di premi, ritorna il Premio Salerno Libro d’Europa promosso in collaborazione con Bper banca. Quest’anno le tre vincitrici sono Kaouther Adimi, Golnaz Hashemzadeh Bonde e Dawn ‘O Porter. A Palazzo Fruscione si terrà poi l’incontro con Raphael Angel Herra, vincitore del Premio internazionale di poesia Alfonso Gatto 2019, in collaborazione con la Fondazione Gatto e il centro studi interdipartimentale di poesia contemporanea dell’Università di Salerno.
La festa del libro di Salerno sarà, come ogni anno, itinerante, per valorizzare alcuni dei siti più suggestivi del centro storico. Tra questi,Palazzo Fruscione, inserito nella cornice di San Pietro a Corte, l’unica testimonianza archeologica di architettura palaziale di epoca longobarda; il Tempio di Pomona, risalente al periodo romano, quando la città ricevette il titolo di Collegio degli Augustali; la chiesa dell’Addolorata, affacciata su largo Abate Conforti; largo Barbuti, caratterizzato dall’incrociarsi di vicoli e piccoli slarghi; l’arco catalano, risalente al XV secolo; il Duomo, fondato da Roberto il Guiscardo e consacrato da Gregorio VII.

Lascia un Commento