“Spacciatori” di libri a Scampia

Rosario Esposito La Rossa ha “preso un impegno con se stesso” quando ha deciso di impiegare tutti i suoi pomeriggi a trasmettere ai ragazzi di Scampia l’amore per i libri; mancato calciatore del Napoli, lavora come giornalista e recentemente è riuscito a raggiungere un obiettivo che non veniva raggiunto da 40 anni: aprire La Scugnizzeria, una libreria nel quartiere Scampia di Napoli.
L’idea l’ha avuta per la prima volta a 15 anni e nel 2014 ha deciso di lavorare per far diventare il suo sogno realtà, quando suo cugino Antonio Landieri è stato ucciso dalla camorra mentre si trovava in un bar, a soli 25 anni. Dopo l’evento, La Rossa, ha deciso di abbandonare la carriera calcistica per concentrarsi sul suo quartiere, Scampia, e sui ragazzi che ci vivono.
Così, con i ragazzi del quartiere, ha iniziato a lavorare ad una bozza di libro contenente le storie di vita degli stessi, molti dei quali figli di prostitute, ergastolani e di fine pena mai; spedita la bozza alla casa editrice questa ha risposto inviando un pacco di libri e negando la possibilità di pubblicare. A questo punto Rosario ha deciso di fare l’unica cosa che avrebbe permesso a questi ragazzi di non abbattersi: ha deciso di insegnargli a perdere, attraverso la miglior metafora che conoscesse, lo sport. È nato cosi “Eterni Secondi”, frutto del lavoro della giovane comunità, il libro racconta la storia di venti personaggi che persero nello sport ma che furono grandi nella vita.
Con una libreria avviata e con “Eterni Secondi” edito da Einaudi, è riuscito ad attirare l’attenzione e a portare a Scampia il Ministro della Cultura nel 2017 e nel 2019 la Presidente del Senato Maria Elisabetta Castellani. Per il suo lavoro e per gli obiettivi raggiunti Rosario è stato chiamato a Roma ed è stato nominato Cavaliere dal Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.
Illustrato da Lorenzo Conti e scritto da Rosario Esposito La Rossa “Eterni Secondi” è disponibile nelle librerie e online.

Lascia un Commento