Tempo di Libri, tempo di novità

di ANNA GARBAGNA

Milano torna ad essere capitale della cultura. Torna Tempo di Libri in una nuova sede (fieramilanocity, nel cuore della città), nuove date (da giovedì 8 a lunedì 12 marzo), nuovi orari (estesi in modo da coprire anche la fascia serale) e con un nuovo direttore, Andrea Kerbaker.

Alla presenza del sindaco di Milano, Giuseppe Sala, del Presidente della Regione Lombardia, Roberto Maroni, del presidente AIE – Associazione Italiana Editori, Ricardo Levi e del direttore Kerbaker, sono state presentate oggi a Milano le novità della manifestazione organizzata da La Fabbrica del Libro (società costituita da AIE e Fiera Milano) nell’ambito di Milano Città creativa Unesco per la Letteratura. La Fiera Internazionale dell’Editoria aprirà infatti le porte guidando i suoi visitatori attraverso 5 sentieri tematici, uno per ogni giornata: Donne (giovedì 8 marzo), Ribellione (venerdì 9), Milano (sabato 10), Libri e immagine (domenica 11), Mondo digitale (lunedì 12).

Gli incontri seguiranno il filo rosso tracciato dai percorsi, esplorando le tante diramazioni del mondo editoriale: da quello enogastronomico (Tempo di Libri A Tavola) alle narrazioni sportive (Bar Sport IBS.IT), dagli incanti del libro antico (C’era una volta il libro) ai prodigi del digitale (Da Gutenberg a Zuckerberg), senza tralasciare il MIRC Milan International Rights Center, dedicato alla trattativa e vendita dei diritti, il programma per le scuole e il settore professionale. Le 14 sale e i due laboratori di fieramilanocity faranno anche da palcoscenico a innovativi percorsi d’autore, strisce quotidiane, reading e appuntamenti che intrecceranno diversi linguaggi e discipline, mescolando musica, cinema, fumetti, teatro e mostre. Si potrà essere accolti dalle note di una playlist d’autore, partecipare a una tombola letteraria, votare la copertina più bella, assistere a una lezione di inglese di John Peter Sloan, scoprire qualcosa in più sul proprio segno zodiacale con Simon & the Stars o ascoltare la voce di Anna Nogara che legge L’infinito di Leopardi e “fermerà” letteralmente il Tempo dei Libri.

Tutte queste iniziative sono il frutto di un solido legame che la manifestazione ha saputo intrecciare in questi mesi con tante realtà: dalle Gallerie d’Italia al Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia Leonardo da Vinci, dal Fondo Ambiente Italiano al Piccolo Teatro, dal Teatro Franco Parenti al Teatro Elfo Puccini, fino al Vittoriale degli Italiani.

La Regione Lombardia sarà presente con uno stand istituzionale e il Comune di Milano parteciperà con uno spazio espositivo del Sistema Bibliotecario Milanese. Novità di quest’anno, il Frankfurt – Milan Fellowship, una stretta collaborazione fra AIE e Buchmesse in occasione di Tempo di Libri.

Al mondo professionale, la manifestazione dedicherà una sezione ad hoc, con tavole rotonde, incontri e approfondimenti sugli aspetti chiave della filiera editoriale.

Come le migliori storie, anche Tempo di Libri avrà un prologo: l’appuntamento è per la sera di mercoledì 7 marzo con la grande festa inaugurale ‘Incipit’, rivolta a tutti, preceduta dalla lettura di un testo introduttivo di Umberto Eco, tratto da Era una notte buia e tempestosa, a cura di Giacomo Papi.

Grande attenzione ai giovani lettori: molti studenti delle scuole hanno già aderito a Il Gioco dei Perché, iniziativa ispirata a I perché di Dino Buzzati. La prima parte del progetto si è svolta in classe, dove insegnanti e alunni hanno raccolto i loro “perché”; la seconda si svilupperà invece direttamente in Fiera, all’interno di laboratori in cui i partecipanti andranno a caccia delle risposte. Alla figura di Buzzati sarà inoltre dedicato un focus a cura di Marco Missiroli.

Per i giovani il cartellone comprenderà oltre 140 incontri, laboratori, presentazioni e workshop, permettendo agli studenti di partecipare alla festa e incontrando dal vivo i propri idoli; per gli universitari, Tempo di Libri collaborerà con diversi atenei nella progettazione di percorsi e incontri speciali, a cominciare dal ciclo Bocconi d’Inchiostro. La redazione di Inchiostro. Il giornale degli studenti dell’Università di Pavia, in collaborazione con Birdmen, organizzerà invece un talk show sulle testate giornalistiche universitarie. Coinvolti inoltre il Politecnico di Milano, l’Università degli studi di Brescia, l’Università degli studi di Bergamo, l’Università degli Studi di Milano. Torna anche il processo all’università, quest’anno su Prendi la lode e scappa, a cura del Gruppo Accademico Professionale AIE.

E che la festa cominci.

Lascia un Commento